Mar
21

Chiefs: vittoria dei capisaldi

Era una trasferta importante, quella di sabato scorso, sul campo dei West Coast Raiders Toscana (fusione tra Storms Pisa ed Etruschi Livorno), non solo in chiave playoff ma in particolare per l’aspetto mentale del collettivo bizantino, legato negativamente in qualche modo a questo luogo.

Quel campo, dove due anni fa, ebbe inizio un lungo periodo costellato di pochi alti e molti bassi per i giallorossi, un periodo che probabilmente è stato definitivamente archiviato con questa vittoria costruita e consolidata su tre capisaldi, contraddistinti dalla medesima iniziale “C”.

Tre valori che una squadra di football sviluppa col tempo, come: la Coesione, la Concentrazione e tanto Cuore.

Una partita indiscutibilmente spettacolare al cardiopalma, rimasta aperta fino a pochi secondi dalla fine, ha allietato il pubblico dello stadio Giovanni Bui di San Giuliano Terme – Pisa.

Graziato dalla previsioni meteo che promettevano pioggia, il campo era tutto sommato in buone condizioni, permettendo ad entrambe le compagini di esprimere tutte le proprie potenzialità, sia sul gioco aereo che su quello di corsa.

Un primo di drive di studio per entrambe le formazioni, ha fatto da apri pista alle prime segnature arrivate per parte nel primo quarto di gioco. A sbloccarsi per primi sono i capi indiani, che colpiscono con l’esperienza del Quarterback bizantino Francesco Malta e del WR Stefano Pazzaglia, il quale riesce a svincolarsi da un placcaggio e violare la end zone Pisana. Extra point del kicker Fiumana valido e Ravenna si porta avanti 0-7.

La reazione della offense Toscana non ci mette molto ad arrivare, i quali guadagnando campo sia con le corse che con i passaggi sul corto, rosicano yard alla difesa bizantina. A ridosso della zona punti, i Raiders riescono a bucare con una corsa centrale la difesa giallorossa e mettono a segno i primi 6 punti. Calcio per la trasformazione a lato e il vantaggio rimane in mano a Ravenna sul 6-7.

Il secondo quarto di gioco scorre via in un botta e risposta tra le due difese, che mantengono invariato il punteggio fino allo scadere del periodo. Nelle file romagnole, continua a dare ottimi risultati la secondaria che piazza ben due intercetti messi a segno dalla safety Francesco Favi e dal CB/LB Davide Paolella.

I problemi del team bizantino sembrano arrivare da un attacco apparentemente sfiduciato e in fase calante, che si manifestano nello scarso guadagno di terreno delle corse e nella poca protezione che la linea sta offrendo al proprio QB.

Negli spogliatoi arrivano indicazioni e strigliate motivazionali dai coach di reparto, Osvaldo D’Aria e Michele Agnoletti. Parole scelte con cura dai due tecnici, indirizzate all’accensione di quell’interruttore che ogni atleta possiede, sotto quei cm di plastica e cuscinetti, e ai caschi rossi paiono arrivate forte e chiaro. Quelle parole, poi tradotte sul campo da gioco stavano a significare COESIONE: il tempo concesso dalla difesa al proprio attacco per recuperare le redini della partita; CONCENTRAZIONE: bellissimi ed interminabili drive offensivi di pass e corse eseguite dall’attacco, anche se non finalizzati; e tanto CUORE: riuscendo a mantenere il pieno controllo delle gambe, delle forze, del fiato e della paura di sbagliare essendo sopra di soli 2 pti fino allo scadere del minutaggio.

Tutto questo, si è sviluppato negli ultimi due vertiginosi quarti dell’incontro.

Nel terzo periodo, è nuovamente il WR Stefano Pazzaglia (eletto MVP dell’attacco) a siglare il secondo TD personale servito dal braccio di Malta, poi arrotondato dall’extra point del solito Fiumana. 6-14 per Ravenna. Ma la solida e pericolosa squadra Pisana, non sembra essere minimamente intenzionata a mollare la presa e si riporta in partita con un TD pass direttamente nella end zone giallorossa. A questo punto, i Raiders, praticamente obbligati, tentano la trasformazione alla mano da 2 pti. Passaggio filtrante in end zone che manca il ricevitore e Ravenna rimane avanti di 2 pti (12-14).

L’arrembaggio finale della squadra di casa viene vanificato da un superlativo capitano della difesa, il LB Jacopo Maroncelli autore di ben 3 intercetti e di svariati placcaggi decisivi. Insieme a lui, continua a mettersi in mostra il giovanissimo CB Filippo Tarroni (MVP difensivo), il quale mette a statistica un intercetto e importanti pass deflect (ricezioni impedite dal difensore).

Unica nota negativa, il brutto infortunio alla caviglia del giovane e promettente centro Nicolò Montalti, il quale è stato sottoposto nella notte ad accertamenti presso l’ospedale di Pisa. Nessuna frattura a referto con un probabile interessamento ai legamenti. Il giocatore rimasto in hotel, costantemente seguito e monitorato dal fisioterapista di squadra Matteo Golfari, ha fatto rientro a Ravenna il giorno successivo.

Altra tessera importantissima per i bizantini, inserita nel mosaico playoff, che sta prendendo sempre più forma.

Ora ben tre settimane di stop, separano i giallorossi dalla quarta partita di campionato, ovvero la prima delle due inter divisionali, contro i blasonati Hammers Monza Brianza, attualmente al vertice del girone D.

Questa sosta però avrà un sapore molto speciale per la storica squadra di football americano di Ravenna, i quali saranno lieti di svelarne tra qualche giorno, anche ai tifosi, tutti i dettagli di questa importante notizia.

Restate sintonizzati.

Ufficio Stampa Chiefs Ravenna